Analisi di un solo di J.J. Johnson

Analisi di un solo di J.J. Johnson

Translated and published with permission – adattamento della traduzione autorizzata dall’autore, David Wilken (coordinatore di Jazz Studies alla Università della North Carolina e Reviews Editor dell’ Online Trombone Journal).

La trascrizione del solo di Johnson sul blues Stratusphunk, composto da George Russell, mostra molti elementi importanti dello stile di Johnson. La differenza più evidente rispetto ai trombonisti precedenti è l’abbandono del glissati e del growl utilizzati nello swing. Altra caratteristica degna di nota è l’uso da parte di Johnson delle pause, in particolare nel secondo chorus. C’è anche la citazione della Rhapsody in Blue di George Gershwin alle misure 38-39. Johnson è in grado di suonare molto rapido e pulito come dimostrato nel primo chorus e diverse altre volte durante l’assolo, suona spesso intere frasi composte da quarti.

stratus1 stratus2 stratus3

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *